Prepararsi al TI-MUN

In questa pagina proviamo a spiegarvi cosa significa partecipare ad una conferenza MUN per chi non lo ha mai fatto e per chi è alle prime armi.

Inizialmente verrà trattata la preparazione del tema per la propria delegazione, successivamente verrà descritto lo svolgimento delle giornate della conferenza, precisando cosa avverrà nei dibattiti, le tempistiche delle due giornate, concentrandosi infine sulle risoluzioni e le votazioni. Si illustrerà in seguito quale obiettivo ogni delegato dovrebbe raggiungere.

Preparazione

Una parte fondamentale delle conferenze MUN è costituita dalla ricerca e dalla preparazione della propria delegazione. La primissima cosa da fare è leggere la guida al comitato (background guide) pubblicata dagli organizzatori della conferenza: sono il punto di partenza da cui i delegati possono ottenere un primo sguardo su quello che è l’argomento che sono chiamati a dibattere e il comitato di cui faranno parte. Le linee guida comprendono dunque informazioni sia sullo sviluppo nella storia recente del tema in questione che informazioni sull’organizzazione e le competenze del comitato o della commissione ONU che se ne occupa.

In un secondo tempo ci si aspetta che i delegati siano in grado di ricercare brevemente informazioni sulla nazione che è stata loro assegnata per la conferenza. Si tratta in questo caso da un lato di informazioni di carattere generale, dall’altro di informazioni specifiche riguardo la posizione del proprio Paese nei confronti del tema in discussione. Questo secondo processo di ricerca è fondamentale in quanto solo conoscendo più a fondo il Paese di cui si è ambasciatori è possibile rappresentarlo adeguatamente durante la conferenza. È infatti centrale l’idea che i delegati alle conferenze MUN minimizzino le loro convinzioni personali lasciando invece ampio spazio nei propri discorsi e prese di posizione alla rappresentanza delle politiche della nazione di cui sono delegati. Suggerimenti su come ricercare informazioni si trovano sul sito ufficiale www.ti-mun.ch.

Dopo questa ricerca si deve ordinare le idee scrivendole in un testo: si tratta del Position Paper. Questo testo ha la funzione non solo di aiutare il Delegato ad avere una visione di insieme sulla tematica nel Paese ma serve anche alla Presidenza per capire in quale direzione si svilupperanno i dibattiti dei comitati e per prevedere eventuali suggerimenti soprattutto per i delegati più inesperti. Un Position Paper chiaro nella struttura e nei contenuti è sinonimo di una preparazione adeguata.

Il passo successivo è leggere le Regole di Procedura della conferenza: è altamente consigliato per i principianti, poiché espongono le regole da rispettare e spiegano come un delegato dovrà comportarsi durante le Sessioni nei vari Comitati. In modo da vivere un esperienza totale è richiesto che ogni delegato durante le Sessioni si identifichi in un vero Diplomatico che sta partecipando ad una Conferenza delle Nazioni Unite: questo permetterà di rendere ancora più entusiasmante e interessante il TI-MUN.

Infine vorrei spendere alcune parole sull’ultimo punto della preparazione personale richiesta: dopo le cospicue ricerche sul proprio Stato è consigliato che ogni Delegato provi a trovare una o più soluzioni o a scrivere alcuni punti che si vorrebbero avere nella Risoluzione finale, che in primis siano coerenti con la politica del proprio Stato e che riesca a trovare consensi nelle altre delegazioni. Se non si trovasse non sarebbe un dramma però è importante che si trovi un'intesa con altre Delegazioni le quali espongono idee o possibili soluzioni coerenti con la politica all’interno del vostro Stato.

La conferenza

Il TI-MUN si svolge lungo l'arco di due giornate e alla fine di esse si dovrà votare una risoluzione condivisa dalla maggioranza delle delegazioni. Prima di parlare della votazione finale, vediamo nel dettaglio cosa avverrà durante la prima e la seconda giornata. È importante ricordare che ci sono molti spazi in cui poter dibattere ma il tempo a disposizione è comunque limitato.

Sabato

Dopo l’arrivo dei delegati, si effettuerà la cerimonia di apertura (magari aggiungo qualcosa dopo). Al termine i delegati raggiungeranno i loro Comitati e inizieranno le riunioni. Ia prima Sessione si svolge dalle 09:00 fino alle 12:00 (se necessario con una pausa dalle 10:00 – 10:15). Affinché i dibattiti inizino è necessario che una delegazione proponga una mozione per aprire le discussioni: ufficialmente, secondo le regole del MUN, senza di essa non si apriranno mai i lavori. A questo punto la Presidenza effettua la chiama dei delegati, poi ogni delegazione si presenterà al comitato e alle altre delegazioni con un breve discorso di apertura di un minuto con cui esporrà la posizione del proprio paese e i propri obiettivi riguardo al tema in discussione. Successivamente viene definito l'agenda del Comitato e infine la lista degli oratori. Ogni delegato dovrà scegliere la strategia migliore per convincere il maggior numero di delegazioni a votare le proprie proposte. Alla fine di questo Incontro è importante che una delegazione esponga una mozione per interrompere i lavori per la pausa pranzo.


La pausa pranzo dura 1 ora e 30 minuti (12:00 – 13:30) e si effettuerà nelle vicinanze del liceo: come è possibile notare non è lunghissima ed è raccomandato che ogni delegato rispetti le tempistiche e ritorni al proprio comitato in orario. Se alla ripresa dei lavori una delegazione non è presente alla chiama dei delegati non farà parte del Quorum per le votazioni finché non comunicherà per iscritto la propria presenza alla Presidenza specificando il proprio status come "Presente" o "Presente e votante".


Il secondo Incontro avrà luogo dalle 13:30 fino alle 16:30 e come già successo in mattinata. Si continua a seguire la lista degli oratori iniziata in mattinata per riprendere le discussioni sulle tematiche dell’ordine del giorno. In questa seconda fase, ogni delegato avrà una più ampia conoscenza delle posizioni delle altre delegazioni. È quindi consigliato che si riesca a trovare una buona intesa con chi ha un simile punto di vista e di diplomaticamente convincere le parti contrarie. Solitamente questo avviene attraverso la discussione non moderata, nella quale si può parlare liberamente e direttamente con gli altri Delegati, che si differenzia dalla discussione moderata, in cui ci sono determinate regole da seguire (vedi Regole 14 - 19 e il suo allegato 1 per una visione d’insieme delle possibili mozioni). Al termine di questo Incontro si deve nuovamente proporre una mozione per interrompere i lavori per questa giornata.


Terminato questo secondo Incontro i lavori per questa giornata sono finiti. Dalle 16:30 fino alle 18:00 avrà luogo una Conferenza con un ospite d’onore. In un secondo tempo si faranno le foto ufficiali della Conferenza Model United Nations – Ticino, poi dalle 18:30 – 20:45 sarà offerto un Aperitivo e in seguito la Cena (nel caso in cui i delegati si siano iscritti a quest’ultima). In questi due momenti ci sarà ampio spazio per socializzare con gli altri delegati al termine di una giornata molto intensa.

Domenica

In questa seconda e ultima giornata di Mun le tempistiche sono diverse rispetto alla prima. Il terzo Incontro si terrà dalle 08:30 – 12:00: all’inizio si seguiranno le esatte procedure del sabato mattina senza però la presentazione al Comitato e ai Delegati. Durante questo penultimo momento le discussioni dovrebbero volgere al termine oppure sono già terminate per lasciare spazio alla stesura di una o più risoluzioni da parte dei delegati. Chi è alle prime armi, noterà molto velocemente che scrivere una risoluzione che sia accettata dalla Presidenza non è facile in quanto ci sono molte regole da seguire. Di conseguenza è opportuno leggere con attenzione la pagina struttura di una risoluzione. A fine Incontro è necessario che una delegazione proponga una mozione per interrompere i lavori.


In seguito ci sarà la pausa pranzo dalle 12:00 – 13:30 sempre nelle vicinanze del liceo. In questa seconda giornata è tassativo essere puntuali alla ripresa dei lavori. Durante quest’ultimo si effettueranno le votazioni per decidere quali risoluzioni saranno accettate o meno. Chi non ci sarà, sarà considerato assente e non potrà votare. Dovrà perciò comunicare per iscritto la propria presenza alla Presidenza specificando il proprio status come "Presente" o "Presente e votante".


A questo punto si è arrivati all’ultimo Incontro: la Presidenza farà la chiama dei delegati per sapere se una delegazione voterà o meno durante la proposizione della/e Risoluzione/i. In questo ultimo incontro le Risoluzioni dovrebbero già essere terminate in modo che la Presidenza le legga e informi le delegazioni sulle modifiche da effettuare affinché siano accettate. Nel caso in cui ci fossero più Risoluzioni la Presidenza esigerà del tempo per leggere e effettuare le dovute modifiche, pertanto è consigliato alle delegazioni tenere a mente le tempistiche. Ulteriori informazioni sulle procedure di voto e l’introduzione alla Presidenza delle bozze di risoluzione si trovano nella Regola 19 delle Regole di Procedura.

Quando entrambi le Commissioni avranno effettuato le votazioni per la Risoluzione, la conferenza si concluderà con la Cerimonia di chiusura: in breve ci saranno i saluti degli Organizzatori e verranno premiati per ogni Commissione, il migliore Paper Position, il Delegato che si è distinto maggiormente durante le due giornate e il Delegato che è riuscito a migliorare nelle due giornate.


Obiettivi

Le conferenze MUN danno la possibilità di calarsi nei panni di un diplomatico e di tentare, in collaborazione con gli altri partecipanti, di trovare una soluzione comune a una problematica di interesse globale. Il solo atto di simulare le Nazioni Unite innesca un processo di sensibilizzazione, proiettando così i giovani diplomatici verso una maggiore consapevolezza degli altri. La collaborazione risulta infatti essere un obiettivo cardine del MUN, il quale promuove il dialogo anche grazie all’acquisizione di un linguaggio sempre più specializzato e appropriato.

Comprendere le posizioni delle persone di altre culture e nazioni in merito a determinate tematiche è sicuramente un altro importante scopo delle conferenze MUN. La capacità di essere curiosi e di lasciarsi sorprendere viene stuzzicata soprattutto durante la fase di ricerca, la quale è di fondamentale importanza al fine di immedesimarsi nel Paese che si dovrà rappresentare. Grazie a questo momento si sviluppa anche una maggiore empatia, la quale, insieme alla tolleranza, rappresenta la chiave per scrivere una risoluzione in grado non solo di conciliare i vari bisogni degli Stati, ma di unire le Nazioni.


Oltre all’acquisizione delle competenze sopracitate, l’obiettivo ultimo di una conferenza MUN è quello di scrivere una risoluzione da far approvare alla propria commissione o comitato. Una risoluzione è un documento ufficiale che viene approvato dai vari organi delle Nazioni Unite e si rivolge a tutti gli stati membri.

Per qualche raccomandazione/strategia in vista della conferenza si consiglia di leggere la pagina strategie e la pagina Checklist: Sono Pronto?.


Esempi di risoluzioni ONU possono essere visualizzati qui:


Mentre esempi di risoluzioni scritte ad una conferenza MUN si trovano qui: